Co.N.A.P.I. a sostegno delle aziende aderenti

Confederazione Nazionale Artigiani e Piccoli Imprenditori

Co.N.A.P.I. A SOSTEGNO DELLE AZIENDE ADERENTI

Co.N.A.P.I. Nazionale, in sinergia con O.P.N. Co.N.A.P.I. Organismo Paritetico Nazionale e con gli enti bilaterali E.Bi.N.Conf. ed  E.Lav., rispettando la “mission” che da sempre la contraddistingue, ovvero garantire supporto, fornire procedure ed erogare servizi a tutela delle aziende e dei lavoratori, in questo periodo storico di enorme difficoltà, causato dalla diffusione  del Covid-19, mette a disposizione degli aderenti al sistema della bilateralità  E.Bi.N.Conf. ed E.Lav., il fondo solidale per sopperire anche se in piccola parte all’emergenza che le imprese e di conseguenza i lavoratori sono costretti a fronteggiare.

Un piccolo sollievo per gli imprenditori nella fase iniziale dell’emergenza, in attesa di richiedere gli ammortizzatori sociali che il Governo ha predisposto.

DCPM 17/03/2020

Come previsto dal DPCM dell’11/03/2020, la prosecuzione delle attività produttive può avvenire solo rispettando un protocollo sulla sicurezza e salute dei lavoratori. In virtù del suddetto protocollo abbiamo ha stilato un manuale aziendale “Misure aziendali per il contrasto e il contenimento del virus COVID-19” per le aziende operative in collaborazione con Mab Security e O.P.N. Co.N.A.P.I..

FORMAZIONE

La sospensione delle attività formative in presenza dovuta alla necessità di evitare assembramenti pericolosi per la diffusione del contagio nelle realtà lavorative, ha procurato grande disagio alle aziende nell’ottica di ottemperare agli obblighi di cui al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i..

A tal proposito Co.N.A.P.I. Nazionale e O.P.N. Co.N.A.P.I. hanno inviato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Ministero degli Affari Regionali e delle Autonomie la richiesta di poter estendere a tutti i corsi di formazione obbligatori che non richiedono prove pratiche specifiche e/o tramite l’impiego di attrezzature, la possibilità di erogazione tramite modalità “e-learning” e “webinar”, per tutta la durata dell’emergenza, fiduciosi di un tempestivo riscontro positivo.

LE TUTELE DELLA CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA, DELL’ASSEGNO ORDINARIO E DELLA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA PER L’EMERGENZA COVID-19

Nel Decreto “Cura Italia” del 17/03/2020 ha introdotto diverse misure a sostegno dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese. Tra le misure, si prevedono anche tutele a sostegno del reddito per la sospensione o la riduzione dell’attività lavorativa, mediante l’utilizzo esteso della cassa integrazione ordinaria, dell’assegno ordinario e della cassa integrazione in deroga.

La cassa integrazione in deroga può essere richiesta anche dai datori di lavoro con meno di 5 dipendenti.

Il Decreto Cura Italia riconosce trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga con le seguenti caratteristiche:

  • per un periodo non superiore a nove settimane;
  • a tutti i datori di lavoro del settore privato, compresi quello agricolo, pesca e del terzo settore, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti;
  • sono esclusi i datori di lavoro rientranti nel campo di applicazione della CIGO, del FIS o dei Fondi di solidarietà;

Soggetti esclusi

  • Datori di lavoro domestico.
  • Datori di lavoro che possono accedere alla CIGO o alle prestazioni garantite dal FIS e dai Fondi di solidarietà.
  • Lavoratori assunti dopo il 23 febbraio 2020.

La prestazione è aggiuntiva rispetto alle disposizioni già adottate per i trattamenti in deroga concessi alle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, e per la cosiddetta “zona rossa”.

A tal proposito abbiamo stilato i moduli per la presentazione della CIGD e seguiamo, attraverso gli sportelli dei nostri enti bilaterali, le aziende nella presentazione della domanda e, se richiesto, anche l’attuazione del procedimento di informazione e consultazione sindacale.

Altresì mettiamo a disposizione dei professionisti per permettere alle imprese di accedere alle misure di sostegno finanziario in modo tale da aiutarle a garantire la continuità produttiva a fronte del rallentamento della domanda interna e dell’export che la situazione di crisi attuale ha determinato.

RICHIEDI INFORMAZIONI

fondosolidale@conapinazionale.it

Condividi su
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Torna su